Il valore dell’oro: fattori che lo determinano

lingotto oroCome tutti sanno l’oro è, da tempo immemorabile, considerato un bene rifugio.
Ma come mai proprio questo metallo prezioso e non un altro? Cosa è che ne determina il valore?
Sono quattro i metalli che vengono considerati preziosi: l’oro, l’argento, il platino ed il palladio.
Fra questi il preferito dalla maggioranza degli investitori è sicuramente l’oro. Già in tempi antichi veniva usato per coniare monete oltre a gioielli di squisita fattura.

La quotazione dell’oro, come ormai è risaputo dai più, viene stabilita ben due volte in un solo giorno.
Per giungere a decidere il prezzo al quale sarà commercializzato il metallo ovviamente non è sufficiente che riuniscano i cinque rappresentanti delle maggiori banche, occorre che durante queste riunioni siano valutati molti e diversi fattori che influiscono sull’economia a livello mondiale e tramite lo studio di come questi interagiscono nasce la cifra che viene poi comunicata.
Cerchiamo di capire come funziona l’intero sistema.
Possedere un cospicuo conto in banca o immobili non basta per essere sicuri di salvarsi dalla rovina in caso di guerra o di calamità naturali. Così come avere azioni ben quotate in borsa non protegge da problemi economici, il famoso martedì nero del 1929 insegna.
Una moneta può svalutarsi, anche di parecchi punti, in tempi brevi e quello che prima rappresentava un capitale diventa un mucchio di carta straccia.

Ma non occorre essere così catastrofici per immaginare che l’andamento generale di uno Stato è determinante per il benessere dei cittadini.
Un cambio di governo repentino, senza dover arrivare al colpo di stato, può rendere più o meno forte un Paese e di conseguenza la sua economia.
Possiamo prendere come esempi la Russia e ultimamente la Repubblica Popolare Cinese. Entrambi, cambiando politica ed aprendosi verso nuovi mercati, hanno incrementato in maniera notevole gli scambi economici con l’estero fino a diventare tra le prime potenze a livello mondiale. È notizia di questi ultimi giorni che la Cina ha superato gli Stati Uniti per quanto riguarda proprio il commercio.
Ovviamente una maggiore benessere spinge i cittadini ad aumentare i consumi e gli investimenti. E, come abbiamo già accennato, l’oro è sempre stato un investimento che ha riscontrato il favore del pubblico.
Possedere dei lingotti d’oro o comunque dei preziosi è non solo sinonimo di ricchezza ma anche di solidità economica.
Aumentando la richiesta del prezioso metallo di conseguenza aumenta anche il suo valore.
È una semplice regola di mercato, valida per qualsiasi genere di oggetto, ma ancor di più quando si parla di merce preziosa.

Sommosse interne o guerre che vedono coinvolto un paese lo rendono meno stabile e fanno vacillare l’economia e nascono problemi di sostentamento. Chi ne possiede e ha la possibilità di farlo vende il proprio oro, possibilmente in cambio di valuta pregiata. Rifacendoci così alla regola di mercato sopra accennata: quando l’offerta aumenta, ossia c’è maggiore disponibilità sul mercato, il prezzo che si può spuntare diminuisce.

Da non dimenticare che un altro fattore che influenza il mercato dei metalli preziosi è dato dal prezzo del petrolio. L’oro nero, come viene anche chiamato, è ormai diventato necessario per la sopravvivenza dell’uomo. Si usa per riscaldare, per muovere i mezzi di trasporto e per altri mille impieghi. Chi lo possiede decide a chi venderlo e a quale prezzo influenzando pesantemente l’economia mondiale.
Ecco quindi il grande interesse che destano le notizie giornaliere riguardanti l’Opec. Stiamo parlando dell’Organizzazione che raccoglie i Paesi produttori di petrolio, e che stabilisce le regole da utilizzare per le trattative ed il commercio del greggio. L’unità di misura convenzionale del petrolio è il barile, che non è certo quello che viene usato per la commercializzazione della birra, ma ha delle misure standard.
I Paesi produttori sono per la maggior parte arabi. I giacimenti di oro più importanti si trovano invece nelle Americhe. Questo rende la situazione abbastanza equilibrata, trattandosi di paesi se non agli antipodi quasi. Si potrebbe teorizzare che chi gestisce questi due mercati ha in mano i destini dell’intero mondo, e che il variare di uno dei due è strettamente legato all’altro, anche se l’oro è molto più facilmente commerciabile, visto la sua natura fisica.
Purtroppo non passa giorno senza che in un qualsiasi punto della Terra non nasca un focolaio di rivolta o che qualcuno decida di chiudere i rubinetti che erogano a questo o quel Paese l’afflusso del petrolio, ed è quindi facile capire perché il mercato dell’oro è in continuo movimento.