Oro puro e oro lavorato, la differenza è importante

Quando si parla di oro la maggioranza delle persone si riferisce all’oro usato pur non essendone consapevole. Esiste una grande differenza fra l’oro puro e quello usato.

oro puroIl primo, ovvero quello puro, è quello che viene utilizzato per la fabbricazione dei lingotti la composizione dei quali raggiunge una percentuale del 99% del prezioso metallo. Oppure quello che si trova in pagliuzze sul fondo dei fiumi, alla maniera dei famosi cercatori, o ancora quello delle pepite estratte dalle miniere.
È proprio l’oro puro che viene preso in considerazione quando bisogna stabilirne il prezzo a livello mondiale, cioè la cifra che verrà comunicata da Londra due volte ogni giorno, così come è stato stabilito per convenzione internazionale quasi un secolo fa.

Per oro usato si intende invece il metallo utilizzato per la fabbricazione di gioielli o la coniazione di monete e medaglie. Essendo molto duttile, ovvero, in parole semplici, malleabile, per essere lavorato ha bisogno di fare lega con altri metalli, più duri e non obbligatoriamente preziosi.
Certamente una lega di oro ed argento, cioè quella occorrente per la produzione dell’oro bianco, ha più valore di quella dell’oro giallo dove il secondo metallo è rappresentato dal rame.
Si parla di oro usato anche in presenza di gioielli appena creati perché è la lavorazione che lo trasforma privandolo della purezza iniziale.
Qualsiasi gioiello lavorato con oro, come collier, bracciali, anelli, o anche orologi, monete e medaglie, ne contiene una percentuale verificabile in prima istanza tramite il punzone, obbligatorio per legge, che riporta il numero di carati. Il valore di questi oggetti è comunque stabilito in maniera arbitraria.

Un qualsiasi gioielliere può vendere al prezzo che preferisce un monile, tutto dipende dall’importanza che attribuisce, per esempio, all’artigiano che lo ha lavorato, oppure al fatto che sia di antiquariato o, addirittura, in base al nome prestigioso del precedente proprietario.
Quando una persona acquista per puro piacere non tiene conto del valore effettivo, ma solamente di quanto è disposto a spendere per entrare in possesso di quello specifico oggetto.
Il discorso cambia radicalmente quando si acquista per investimento o si vende pensando di realizzare una certa cifra. In questi casi il prezzo dell’oro usato è determinante per il buon fine dell’affare.

oro lavoratoÈ logico supporre che chi commercia in metalli preziosi ha diritto alla propria percentuale di guadagno, come tutti, senza comunque scostarsi troppo dai valori medi di categoria.
È sempre meglio diffidare di offerte troppo alte o al contrario molto basse. In casi del genere è opportuno verificare la serietà della Ditta. Rivolgendosi ad una insegna conosciuta difficilmente si avranno problemi.
Chi vuole vendere il proprio oro usato e non è in grado di stabilire in maniera autonoma il valore degli oggetti posseduti, può rivolgersi ad un gioielliere di fiducia oppure servirsi del servizio di quotazione online disponibile sul sito dei compro oro più all’avanguardia. Occorre compilare in maniera estremamente corretta il form di richiesta e seguire la semplice procedura descritta ed in poco tempo si otterrà la cifra indicativa che è possibile ricavare dalla transazione.

Ovviamente seguiranno dei controlli più approfonditi, atti a verificare la veridicità di quanto dichiarato, ma intanto si può avere un’idea di massima e decidere se la vendita dell’oro usato è conveniente oppure è meglio attendere momenti migliori quando la quotazione sarà più favorevole.