Oro usato come venderlo

quotazione oroVendere dell’oro usato per ricavarne del denaro contante è davvero un’opportunità molto ghiotta, ma che cosa si intende esattamente per oro usato?
Quando si parla di oro usato si fa riferimento a qualsiasi oggetto in oro di cui si può essere in possesso: dei gioielli, degli orologi, dei sopramobili, solo per fare alcuni esempi.
Come noto l’oro è un metallo prezioso, questo significa che se un oggetto è realizzato con questa materia prima, esso ha un valore a prescindere dalle sue condizioni, dal suo funzionamento, dalla sua estetica.
In Italia è possibile vendere dell’oro usato in modo assolutamente legale facendo riferimento ai compro oro, degli esercizi che acquistano articolo in oro direttamente da privati, riconoscendo ai clienti dei pagamenti immediati.
É evidente che se si possiedono degli oggetti in oro di cui si è disposti a privarsi, proporli a un compro oro è davvero un’ottima opportunità, e in questo modo ci si può garantire un guadagno extra senza nessuno sforzo.
Il pagamento viene effettuato in denaro contante entro la soglia fissata dalle attuali leggi antiriciclaggio, ovvero per tutti gli importi inferiori a 500 €, per gli importi pari o superiori a tale cifra il pagamento resta comunque immediato, ma deve essere effettuato con modalità tracciabili.
Che cosa determina, dunque, il valore di un oggetto in oro usato?
Come detto, il valore di un articolo in oro usato non risente in alcun modo di imperfezioni, ammaccature o danni di altro tipo, di conseguenza il suo valore è determinato da parametri assolutamente oggettivi.
Se si vuol conoscere il valore di un oggetto usato in oro bisogna anzitutto far riferimento alla quotazione ufficiale di questo metallo prezioso, la quale è soggetta a fluttuazioni, essendo determinata quotidianamente, esattamente due volte al giorno, attraverso un processo che prende il nome di Fixing.
Conoscere la quotazione dell’oro in tempo reale è molto semplice, ed è sufficiente visitare un sito Internet aggiornato ed affidabile.
Il valore di un oggetto in oro usato dipende ovviamente dal suo peso, quindi dalla quantità di materia prima in esso contenuta, ma anche dalla “qualità” dell’oro con cui è realizzato.
Negli oggetti in oro, infatti, l’oro non è mai puro, salvo casi assolutamente eccezionali: oggetti in oro quali gioielli, orologi e quant’altro sono realizzati in leghe metalliche in cui figura anche l’oro, ma non sono costituiti di questo metallo al 100%.
Per stimare il valore di un oggetto in oro usato è dunque molto importante conoscerne i carati, ovvero l’unità di misura della purezza dell’oro.
La misurazione della purezza dell’oro viene effettuata immaginando di suddividere la lega metallica in “ventiquattresimi”: l’oro 1 kt, ad esempio, prevede che un’unità sulle 24 totali sia composta da oro.
Il livello di purezza più elevato è dunque quello dell’oro 24 kt, il quale corrisponde all’oro puro.
Fatto il punto su questo fondamentale trittico di parametri che determina il valore di un oggetto, quindi quantità dell’oro, “qualità” del medesimo e quotazione ufficiale di questo metallo, vi è anche un ulteriore aspetto da considerare, ovvero lo spread praticato dall’attività di compro oro.
Affinché un compro oro possa ricavare degli utili dalla sua attività di compravendita di oro, argento e metalli preziosi, trattiene una piccola quota dal valore oggettivo del bene.
Ogni compro oro può scegliere liberamente l’ammontare dello spread praticato, ovviamente uno spread molto alto rischierebbe di far perdere clienti all’attività, per contro uno spread eccessivamente basso attirerebbe molti clienti, senza alcun dubbio, ma potrebbe ridurre in modo eccessivo il margine di profitto.
Ciò che è importante sapere per vendere degli oggetti in oro usato alla miglior quotazione è appunto che diversi compro oro possono fare delle proposte economiche differenti proprio per questa ragione, e il consumatore è del tutto libero di orientarsi verso il compro oro che effettua la proposta più elevata.
L’unica, fondamentale condizione è che ci si rivolga esclusivamente a dei compro oro regolarmente autorizzati e che rispettino in modo tassativo tutti gli step burocratici previsti dalla legge vigente.