Roma, cosa portare al compro oro

oro-vecchio-da-vendereIn questa guida vedremo in dettaglio cosa possiamo portare in un negozio di compro oro, in particolare a Roma, per ricavare un guadagno immediato dai propri valori usati.

Le prime cosa da portare in un negozio compro oro che opera nel campo della compravendita di usato e che può far avere un bel guadagno, sono tutti i gioielli fatti di metalli preziosi. Basta raccogliere tutte le catenine, i girocolli, le collane, i ciondoli, gli anelli, i bracciali, gli orecchini e tutto ciò che non sia solo rivestito di metallo prezioso ma composto interamente d’oro o di altro metallo prezioso. Non ha importanza quale sia lo stato di conservazione di questi gioielli, anche rotti o fuori moda, perché al fine della determinazione del valore è importante solo il peso.

Vediamo in dettaglio quali sono i metalli preziosi da vendere a un negozio compro oro. Innanzitutto parliamo dell’oro che da sempre è considerato un metallo prezioso e utilizzato per realizzare gioielli da portare al compro oro per ricavare un immediato guadagno in contanti. È importante sapere che difficilmente i gioielli sono fatti di oro puro ma sia le creazioni orafe che gli orologi sono composti di una caratura di oro che è la misura relativa alla quantità d’oro presente nell’oggetto. Infatti il negozio di compro oro valuta sia la caratura che il peso per determinare l’effettivo valore dell’oggetto.

Anche i gioielli in argento si possono portare a un negozio di compro oro a Roma perché l’argento è un metallo prezioso in genere pagato bene. Infatti esiste una quotazione anche per l’argento che segue le regole della quotazione dell’oro e che è anch’essa esposta fuori del negozio di compro oro per motivi di trasparenza. L’argento è di un colore grigio brillante e si abbina bene a molte pietre preziose per creare gioielli raffinati ed eleganti.

Anche i gioielli fatti di leghe metalliche si possono portare a un negozio di compro oro. Si tratta di gioielli fatti con una miscela di oro e di un altro metallo. Ad esempio l’oro bianco è una lega tra l’oro e il platino e si usa tantissimo perché ha l’effetto dell’argento ma è meno freddo. Un’altra lega metallica ben accetta al negozio del compro oro è il cosiddetto oro rosa, generato dall’unione dell’oro e del rame. Si usa per fare per creazioni orafe molto delicate ed eleganti.

Anche gli orologi pregiati e specialmente quelli composti da metalli preziosi, possono essere portati a un banco di compro oro per essere valutati e venduti. Infatti il mercato degli orologi, soprattutto quelli vintage, rappresenta oggi un’opportunità di guadagno in quanto possono essere pezzi ricercatissimi sia dai collezionisti che coloro che ricercano un pezzo unico da indossare. I criteri per la valutazione degli orologi sono leggermente differenti poiché sono oggetti per i quali è necessario valutare in base all’anno di costruzione, alla marca, al modello, ai materiali utilizzati e a molto altro. Ad esempio un orologio che fa può far guadagnare molto bene è quello di un marchio molto prestigioso, come il Rolex.

Infine vediamo come anche le pietre preziose possono essere valutate e vendute presso un negozio compro oro situato a Roma. Se poi le gemme preziose sono incastonate in un bel gioiello, quest’ultimo avrà un valore nettamente superiore. È possibile comunque anche vendere le pietre preziose sfuse. Le pietre che sono più valutate sono ovviamente i diamanti ma moltissime altre pietre, soprattutto se rare, possono assicurare un buon guadagno. I criteri per la valutazione delle pietre preziose sono il tipo di taglio, la grandezza, il colore, la purezza e tanti altri ancora.

Esistono infine tanti altri oggetti che si possono portare a un compro oro, soprattutto a Roma, per ricavare una buona cifra. Basta che l’oggetto sia fatto di un metallo che può essere valutato. Ad esempio le posate d’argento, i gemelli da camicia e tanto altro ancora.

Concludendo è bene dire che a Roma sono numerosi i negozi di compro oro che sono sicuri e affidabili, basta controllare che essi rispettino le leggi in vigore relative alla compravendita dell’oro usato e che abbiano un comportamento trasparente che dia fiducia.